Uno dei miei compiti in quanto scrittore è quello di assalire le vostre emozioni e forse di aggredirvi e per far questo uso tutti gli strumenti disponibili. Forse sarà per spaventarvi a morte, ma potrebbe anche essere per prendervi in modo più subdolo, per farvi sentire tristi. Riuscire a farvi sentire tristi è positivo. Riuscire a farvi ridere è positivo. Farvi urlare, ridere, piangere, non mi importa, ma coinvolgervi, farvi fare qualcosa di più che mettere il libro nello scaffale dicendo: "Ne ho finito un altro", senza nessuna reazione. Questa è una cosa che odio. Voglio che sappiate che io c'ero
- Stephen King

martedì 21 novembre 2017

SLEEPING BEAUTIES è in libreria

Carissimi lettori, lo sapete vero che giorno è oggi? Sì, è proprio il giorno del ritorno nelle librerie di Stephen King insieme al figlio Owen.
Con grandissima gioia correrò ad acquistare SLEEPING BEAUTIES, il nuovo romanzo edito dalla Sperling & Kupfer, che vede il ritorno del RE al paranormale.
Si tratta di un libro molto complesso e corposo, con più di 600 pagine (già lo adoro) e con un numero di personaggi elevato, giusto per far scervellare il lettore (adoro ancor di più).
La collaborazione è nata dall'idea del terzogenito di King che ha proposto al padre di creare una storia pensata solamente come sceneggiatura per una serie TV e di metterla per iscritto.

Dooling è una piccola città fortunata del West Virginia, con una splendida vista sui monti Appalachi e lavoro per tutti. È a Dooling, infatti, che qualche anno fa è stato costruito un carcere all'avanguardia destinato solo alle donne, che siano prostitute o spacciatrici, ladre o assassine, o ancora tutte queste cose insieme. Ed è una di loro, in una notte agitata, ad annunciare l'arrivo della Regina Nera. Per il dottor Norcross, lo psichiatra della prigione, è routine, un sedativo dovrebbe sistemare tutto. Per sua moglie Lila, lo sceriffo di Dooling, poteva essere un presagio. Perché poche ore dopo, da una collina lì vicina, arriva una chiamata al 911, ed è una ragazza sconvolta a urlare nel telefono che una donna mai vista ha ammazzato i suoi due amici, con una forza sovrumana. Il suo nome è Evie Black. Intorno a lei svolazzano strane falene marroni e sembra venire da un altro mondo. Lo stesso, forse, dove le donne a poco a poco finiscono, addormentate da un'inquietante malattia del sonno che le sottrae agli uomini. Un sonno dal quale è meglio non svegliarle.






Enrico

Nessun commento:

Posta un commento