Uno dei miei compiti in quanto scrittore è quello di assalire le vostre emozioni e forse di aggredirvi e per far questo uso tutti gli strumenti disponibili. Forse sarà per spaventarvi a morte, ma potrebbe anche essere per prendervi in modo più subdolo, per farvi sentire tristi. Riuscire a farvi sentire tristi è positivo. Riuscire a farvi ridere è positivo. Farvi urlare, ridere, piangere, non mi importa, ma coinvolgervi, farvi fare qualcosa di più che mettere il libro nello scaffale dicendo: "Ne ho finito un altro", senza nessuna reazione. Questa è una cosa che odio. Voglio che sappiate che io c'ero
- Stephen King

giovedì 12 ottobre 2017

LA TORRE NERA: il flop spiegato da Stephen King

Fedeli pistoleri, torno a parlarvi del film 'estivo' tanto atteso da tutti noi fan del RE: LA TORRE NERA.
Demolito dai critici, è andato male anche al box-office totalizzando poco più di 110 milioni di dollari in tutto il mondo nonostante la presenza nel cast di due divi di Hollywood come Idris Elba e Matthew McConaughey.

I motivi di questo enorme flop sono molti ma sicuramente il più credibile è quello dato dal diretto interessato, l’autore dei romanzi originali, il sommo Stephen King.
Qui le parole del celebre romanziere: "La difficoltà maggiore era fare un film basato su una serie di libri veramente molto lunga. Sono circa 3000 pagine. L’altra cosa è stata la decisione di fare un adattamento PG-13 di libri che sono estremamente violenti e molto espliciti. Questo ha avuto delle conseguenze, anche se devo dire che per me (lo sceneggiatore) Akiva Goldsman ha fatto un gran lavoro nel prendere la parte centrale del libro per trasformarlo in quello che penso sia un buon film. Ora stanno sviluppando una serie tv… vedremo quello che succederà con quella. Sarà un reboot totale, quindi bisognerà vedere".





Enrico

Nessun commento:

Posta un commento