Uno dei miei compiti in quanto scrittore è quello di assalire le vostre emozioni e forse di aggredirvi e per far questo uso tutti gli strumenti disponibili. Forse sarà per spaventarvi a morte, ma potrebbe anche essere per prendervi in modo più subdolo, per farvi sentire tristi. Riuscire a farvi sentire tristi è positivo. Riuscire a farvi ridere è positivo. Farvi urlare, ridere, piangere, non mi importa, ma coinvolgervi, farvi fare qualcosa di più che mettere il libro nello scaffale dicendo: "Ne ho finito un altro", senza nessuna reazione. Questa è una cosa che odio. Voglio che sappiate che io c'ero
- Stephen King

giovedì 15 giugno 2017

Le parole di Mike Flanagan su IL GIOCO DI GERALD

Cari cine-horror-dipendenti, sono qui oggi a riportarvi in piccola sintesi le parole che il regista Mike Flanagan ha rilasciato in una recente intervista a proposito della sua ultima creazione: IL GIOCO DI GERALD.
Il film è liberamente ispirato al noto romanzo di Stephen King e benchè le riprese siano gia terminate da diverso tempo non si sa ancora la data di uscita sulla piattaforma Netflix, anche per stessa ammissione di Mike.
Nel corso dell'intervista si è parlato della produzione del film, del rapporto che il regista ha instaurato con i suoi attori e quello avuto con il RE durante la fase di preparazione e creazione.

"Non so ancora quando andrà in onda ma non vedo l'ora che la gente lo veda perchè è stato un progetto che mi ha coinvolto emotivamente fin da quando avevo 19 anni. Ho passato metà della mia vita a pensare di realizzare questa pellicola. Non so se sono mai stato tanto fiero di un mio film come ora".

"La performance di Carla Gugino è stata sorprendente. Ha trascorso la maggior parte del tempo ammanettata ad un letto e non credo che qualcuno, tra tutte le persone coinvolte, abbia avuto le sue stesse difficoltà. Io stesso ho provato, è molto doloroso".

"Per quanto riguarda il mio rapporto con l'autore, siamo stati in contatto con Stephen King sin da subito e in modo particolare nel momento della scelta del cast. Adattare il RE è rischioso, sappiamo bene quello che succede quando le cose vanno male. Volevo che amasse il film e potete solo immaginare quello che ho provato quando lo ha descritto come: ipnotico e spaventoso, sconvolgente".





Enrico

Nessun commento:

Posta un commento