Uno dei miei compiti in quanto scrittore è quello di assalire le vostre emozioni e forse di aggredirvi e per far questo uso tutti gli strumenti disponibili. Forse sarà per spaventarvi a morte, ma potrebbe anche essere per prendervi in modo più subdolo, per farvi sentire tristi. Riuscire a farvi sentire tristi è positivo. Riuscire a farvi ridere è positivo. Farvi urlare, ridere, piangere, non mi importa, ma coinvolgervi, farvi fare qualcosa di più che mettere il libro nello scaffale dicendo: "Ne ho finito un altro", senza nessuna reazione. Questa è una cosa che odio. Voglio che sappiate che io c'ero
- Stephen King

martedì 30 maggio 2017

L'estratto di James Franco dall'audiobook LA ZONA MORTA

James Franco è la voce narrante nell'audiobook LA ZONA MORTA, capolavoro kinghiano del 1979 ed edito quest'anno per la prima volta in audiolibro dalla Simon & Schuster Audio.
Il protagonista di 22.11.63 è assolutamente entusiasta di questa nuova esperienza e lo racconta in un'intervista rilasciata poco dopo la pubblicazione, avvenuta lo scorso 25 aprile.
Nonostante sia stato scritto più di trent'anni fa i parallelismi con l'attualità sono sconvolgenti, c'è un chiaro collegamento con l'attuale politica e l'elezione di Trump ha probabilmente influito nella scelta di riproporre (in versione audio) un libro così particolare.

Sembra una precognizione e lo stesso Franco sembra notarla: "Troverete dei parallelismi con la realtà davvero inquietanti. E, considerando che il romanzo è stato scritto più di 30 anni fa, rende ancora più spettrale la presenza dei parallelismi. Diciamo che King è uno scienziato del paranormale. Ci sono volute molte sessioni per registrare La Zona Morta, ci ha impegnato vari mesi".



  



Enrico 

Nessun commento:

Posta un commento