Uno dei miei compiti in quanto scrittore è quello di assalire le vostre emozioni e forse di aggredirvi e per far questo uso tutti gli strumenti disponibili. Forse sarà per spaventarvi a morte, ma potrebbe anche essere per prendervi in modo più subdolo, per farvi sentire tristi. Riuscire a farvi sentire tristi è positivo. Riuscire a farvi ridere è positivo. Farvi urlare, ridere, piangere, non mi importa, ma coinvolgervi, farvi fare qualcosa di più che mettere il libro nello scaffale dicendo: "Ne ho finito un altro", senza nessuna reazione. Questa è una cosa che odio. Voglio che sappiate che io c'ero
- Stephen King

sabato 22 aprile 2017

Tobin Bell protagonista di IL MIO BEL CAVALLINO

Kinghiani e appassionati di cinema, sono nuovamente qui a parlarvi dell'ennesimo adattamento tratto dalle opere di Stephen King che vedrà la luce in questo 2017 ricchissimo di novità.
Sto parlando di IL MIO BEL CAVALLINO (My Pretty Pony), racconto contenuto nella raccolta Incubi & Deliri pubblicata nel 1993.

Le riprese inzieranno a breve in Michigan, in cabina di regia Luke Jaden che si baserà sulla sceneggiatura dell'adattamento già uscito nel 1989.
Tra i produttori troviamo Josh Boone che è anche già al lavoro su altre opere dello zio quali Revival e L'ombra dello scorpione ma di cui non si hanno novità.
Nel cast invece attori di grande spessore quali Tobin Bell (il dottor. Jigsaw della fortuna serie horror/splatter de L'enigmista) con al suo fianco Noah Jupe (Suburbicon).

La storia gira attorno ad una strana relazione tra fratello e sorella, con il nonno che spiega loro quanto prezioso sia il tempo e quanto velocemente fugga se non si sta attenti. Si concentra su come cambia la nostra percezione dello scorrere del tempo con l'età: per esempio da bambini l'estate è qualcosa di lunghissimo mentre più si cresce più il tempo sembra passare velocemente. Il 'bel cavallino' è quindi il tempo che va alla velocità ottimale quando si è dei giovani adulti, mentre da vecchi sfugge di mano.





Enrico

Nessun commento:

Posta un commento