Uno dei miei compiti in quanto scrittore è quello di assalire le vostre emozioni e forse di aggredirvi e per far questo uso tutti gli strumenti disponibili. Forse sarà per spaventarvi a morte, ma potrebbe anche essere per prendervi in modo più subdolo, per farvi sentire tristi. Riuscire a farvi sentire tristi è positivo. Riuscire a farvi ridere è positivo. Farvi urlare, ridere, piangere, non mi importa, ma coinvolgervi, farvi fare qualcosa di più che mettere il libro nello scaffale dicendo: "Ne ho finito un altro", senza nessuna reazione. Questa è una cosa che odio. Voglio che sappiate che io c'ero
- Stephen King

lunedì 3 aprile 2017

Parla Annette O'Toole: la protagonista del primo IT

Forse ricorderete Annette O'Toole per il noto e più recente ruolo di Martha Kent, la mamma di Clark Kent, nella serie televisiva Smallville ma i kinghiani non potranno mai dimenticare la sua interpretazione nella miniserie IT del '90 nel ruolo di Beverly Marsh da adulta e di un piccolo cameo in una delle puntate di 22.11.63.
In occasione del ritorno di Pennywise nelle sale quest'anno, l'attrice è stata intervista dal sito Sechrest Things al quale si racconta o meglio, racconta di come è stato girata quella pellicola e quali le emozioni che ha provato.





"Tim Curry è la ragione per cui il film ha funzionato. Trascorreva molto tempo al trucco e leggeva sempre un sacco, portava con sè molti libri. Un paio di volte è venuto a cena con noi e abbiamo legato tutti come una piccola famiglia. Ho adorato tutti i ragazzi di IT, mi sentivo come l'unica ragazza di un campo estivo che tutti cercavano di impressionare. Ricordo le risate nei giorni di riprese, che può sembrare starno considerando quanto è spaventoso ciò che facevamo".

"Ricordo molto bene la scena della tazza di thè dove c'era lo sciroppo al cioccolato usato come sangue. Forse è l'unica scena in cui ho avuto paura di girare, perchè ero sola e non c'erano i miei compagni.
Sono rimasta in contatto soprattutto con Richard Thomas ma mi sento spesso su Twitter anche con Dennis Christopher".

"Ho letto moltissimi libri di Stephen King e credo che il mio preferito sia 'Le notti di Salem', mi ha terrorizzata. Adoro anche 'La bambina che amava Tom Gordon' e 'Mr. Mercedes'. Il personaggio che avrei voluto interpretare? L'ho già fatto. Beverly Marsh è il massimo. Non credo ci siano somiglianze tra me e lei, il suo background è completamente diverso dal mio ma il bello di recitare è che si può provare ad immaginare se stessi in ogni situazione e tirare fuori qualcosa di nuovo".







Enrico

Nessun commento:

Posta un commento