Uno dei miei compiti in quanto scrittore è quello di assalire le vostre emozioni e forse di aggredirvi e per far questo uso tutti gli strumenti disponibili. Forse sarà per spaventarvi a morte, ma potrebbe anche essere per prendervi in modo più subdolo, per farvi sentire tristi. Riuscire a farvi sentire tristi è positivo. Riuscire a farvi ridere è positivo. Farvi urlare, ridere, piangere, non mi importa, ma coinvolgervi, farvi fare qualcosa di più che mettere il libro nello scaffale dicendo: "Ne ho finito un altro", senza nessuna reazione. Questa è una cosa che odio. Voglio che sappiate che io c'ero
- Stephen King

giovedì 20 aprile 2017

Il produttore Christian Torpe parla di THE MIST

Dopo un lungo periodo di silenzio ecco che torno a parlarvi di quell'altra serie TV di prossima uscita, ispirata ad un racconto dello scrittore del Maine.
THE MIST era sembrato un progetto pronto a decollare senza grosse difficoltà e, insieme al telefilm 'cugino' Mr. Mercedes, sarebbe stata una delle più interessanti novità del palinsesto televisivo americano via cavo salvo poi scomparire per diverso tempo.
Non pochi appassionati hanno cominciato ad allarmarsi credendo di assistere all'ennesimo flop, buffo poi perchè nemmeno inziato, ma a rassicurare tutti ci ha pensato direttamente il produttore Christian Torpe che ha rilasciato un'intervista al sito liljas-library.com anticipando che ci troveremo di fronte ad un adattamento non così fedele all'originale.
La season premiere andrà in onda negli Stati Uniti su Spike il 22 giugno 2017.





"La serie sarà guidata molto dai comportamenti dei personaggi e avrà un ritmo lento. Del racconto ho amato il fatto che non è la nebbia a portare avanti la storia, ma le reazioni dei personaggi ad essa. Una cosa che ho voluto onorare".

"Non sarà la stessa storia che avete letto e visto al cinema nel film diretto da Frank Darabont, nemmeno i personaggi saranno gli stessi ma i fan noteranno numerosi parallelismi. King ha letto la sceneggiatura del pilot e l'ha trovata molto buona, è stato molto generoso con i cambiamenti apportati. Spero continuerà a pensarlo anche dopo aver visto il resto".

"Se sono preoccupato che possa fare la fine di Under The Dome? E' normale esserlo quando si intraprende un progetto del genere, quando reimmagini una storia c'è sempre qualcuno che ne sarà irritato. Spero ci srà anche molta gente che noterà la nostra decisione di restre fedeli all'essenza del lavoro di King. Ci sono due diverse conclusioni, e sono felice che esistano. Di sicuro sarà qualcosa che non vi aspettate".







Enrico

Nessun commento:

Posta un commento